cascinag_F_crederci

Del crederci e del pianificare la tua attività

Questo post nasce da uno spunto particolare, ed ha uno scopo preciso.

Lo spunto: sul numero del settimanale F uscito in edicola il 22 marzo ci sono anch’io, con un’intervista realizzata sul tema delle donne che, dopo l’esperienza della maternità, decidono di dare una svolta alla loro vita. Racconto di come sono arrivata a cambiare lavoro e vita con poche cose, e quali sono i fattori che hanno facilitato la svolta.

E perché ve ne voglio parlare? Non solo perché ne sono felice … ma per condividere con voi le “regole” che mi hanno aiutata ad arrivare qui, dove ho trovato la forza, quali sono stati i passaggi.

La situazione fino a 9 mesi fa era questa: fuori casa dalle 7:30 alle 19, lontana da casa, impossibilitata a raggiungere i miei bambini nei casi (frequenti per il piccolo) di malattie o chiamate dal nido per febbri varie, perennemente stanca morta, il weekend speso a recuperare le faccende domestiche per forza di cose tralasciate in settimana. Insomma per me una vita totalmente priva di motivazioni, positività, sprazzi di spensieratezza, tempo per i miei bambini…

Ho sempre lavorato tanto anche fuori ufficio, per me il marketing, la comunicazione digitale sono sempre stati una passione, non solo la professione. Non è stato difficile immaginare di poter svolgere questa attività da indipendente, ma prepararsi, e a lungo, è fondamentale per non andare in crisi dopo il primo mese!

E per quanto riguarda l’handmade, galeotto fu un corso di cucito, a cui ne seguì un altro, tenuto da una persona speciale, Elisabeth, che potete seguire qui nella sua passione, la fotografia. In realtà, ancora prima mi ero cimentata in un altro corso, questa volta maglia e ferri, scoprendo che non ero l’unica “manager” a cercare conforto in un’attività manuale, cosa che mi ha fatto molto riflettere… ma ve ne parlerò in un’altra occasione.

Vi sto raccontando queste pillole della mia storia recente per arrivare a quelle che ho sopra denominato “regole” per lavorare sui vostri progetti futuri, trovare le energie e le conferme per affrontare un cambiamento sentito e ben pianificato. E’ proprio nei momenti difficili che dobbiamo cercare la nostra strada, crederci sempre e lavorare più che mai per arrivare a dire “adesso la mia vita la decido io“.
  • esci dalla tua comfort zone – cosa significa? iscriviti al corso di quella materia che ti attira ma per la quale ti consideri negata (per me etrano maglia e cucito!), accetta l’uscita con quel gruppo di amici che non vedi da anni, unisciti a un gruppo per una visita guidata ad una mostra, attacca bottone con quelle mamme della scuola che vedi sempre indaffarate. Insomma esci a fai qualcosa di diverso dalla tua routine, ti sorprenderai e farai incontri che potranno condizionare le tue scelte future
  • trova i tuoi limiti e sfidali – sai ad esempio che fai fatica ad analizzare i tuoi sentimenti, o che non riesci a portare a termine quel compito? Non rimandare più, mettiti alla prova, può darsi che tu scopra delle doti di te che neanche immaginavi, che quella cosa che pensavi di non saper fare in realtà è una tua specialità. Magari perché semplicemente non ti eri mai confrontata con altri!
  • chiedi aiuto e cerca alleanze – inutile negarlo, se sei circondata da persone che ti scoraggiano, che preferiscono mantenere lo status quo e che non ti danno fiducia è tutto sicuramente più difficile. Cosa fare allora? Parla della tua idea di cambiamento in modo aperto con chi ti sta vicino, descrivi l’idea ma soprattutto le motivazioni e le tue doti che possono portarti a farcela. “Portatelo dalla tua parte“. Avere qualcuno che crede in te e ti sostiene ci vuole davvero!
  • preparati – hai avuto l’intuizione, sei uscita dal seminato e il progetto sta prendendo forma? Ora studia! E non solo ora. Mettiti in testa che quando vuoi camminare con le tue gambe nessuno ti terrà la mano quando si tratterà di competenza. Cerca corsi, dal vivo e online e seguili, affidati a qualcuno che ti aiuti a strutturare il tuo brand e la tua comunicazione online, scova libri interessanti, leggili e prendi appunti su un quaderno dedicato esclusivamente alla raccolta delle idee e degli spunti. (Io uso uno di questi, in formato A4)
  • osserva – come i comporta sul mercato chi sta svolgendo l’attività alla quale stai mirando? Quali canali commerciali usa? La sua presenza online come è strutturata? Riesci a fare una stima delle sue vendite? Prova anche ad acquistare e impara, come impacchetta, come ringrazia, come delizia il suo cliente.
  • ruba come un artista – prendere spunto non significa copiare! Pochi inventano, molti personalizzano, rendono unico grazie a tocchi inimitabili qualcosa che c’è già. Non sentirti in colpa, ma piuttosto pensa a come distinguerti, far emergere e difendere la tua unicità. Leggi questo libro, ti aiuterà.
  • frequenta e fai networking – ora che il tuo progetto è chiaro segnati in agenda gli incontri, i seminari, gli eventi, i corsi live dedicati al tuo settore. Conoscere nuove persone è sempre una ricchezza!
LA MIA INTERVISTA SU “F”

Nasce proprio dal continuo lavoro sulle “regole” che ti ho appena descritto. Non ti fermare ma fatti vedere, sii positiva e proattiva, e tanto, tanto competente. Credici perché anche se inizi small nessuno ti vieta di DREAM BIG.

 

 

2 pensieri su “Del crederci e del pianificare la tua attività

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *